martedì 25 aprile 2017

25 APRILE - GIUSEPPE COLZANI

Dalle interviste di Giuseppe Colzani, una testimonianza che vale più di mille poesie.
Ma non fermatevi a leggere, perché vale davvero la pena di ascoltarlo.


La notte che io ho definito la notte del silenzio, non parlava più nessuno. Non sentivi un rumore. Speravi che succedesse qualcosa e non sapevi cosa volevi che succedesse. 
Aspettavi e non sapevi cosa aspettare. Eravamo come dei fantasmi incollati a 'ste barricate fino alle sei del mattino quando spuntò l'alba. Ed era l'alba del 25 aprile. 

Non era ancora finita.
.....

Usciti [i fascisti] dalle caserme entriamo noi ad occupare le caserme. E ad un certo punto troviamo due fascisti che si erano nascosti, e si poneva il problema di cosa poterne fare di quei due, perchè non era un momento facile e questo loro lo sapevano benissimo.
Cosa cambiavan due morti in più, cosa cambiava? E vennero mandati a casa.
E qui passano gli anni. Una sera la custode mi dice "Guardi che c'è stato un signore a cercarla. Dice che voleva ringraziarla perchè lei gli ha salvato la vita, comunque dice tornerà più tardi"
Difatti è tornato con una bambina. Era uno dei due. Questa bambina mi sorrideva ed era un sorriso per me che arrivava da lontano, e rotolava lontano. Era la vita che avrebbe potuto non esserci. E io ho accarezzato quella bambina. Ma mentre la accarezzavo, pensavo ai miei due figli che se per caso avesse vinto suo padre, loro non sarebbero nemmeno nati.









Nessun commento:

Posta un commento